Home » News » Pozzi neri e fosse biologiche: dove vengono usati, quali sono le differenze e a che cosa fare attenzione

Pozzi neri e fosse biologiche: dove vengono usati, quali sono le differenze e a che cosa fare attenzione

Dove va messo

Il pozzo nero è una sorta di cisterna per la raccolta dell’acqua che vien interrato a un metro di distanza dalla casa e a un metro di profondità. Il pozzo nero non può essere sotto la casa perché la ditta di autospurgo a Roma deve potervi accedere per le operazioni di pulizia. Se si tratta di una fossa biologica con sistema Imhoff le regole sono un po’ diverse perché va messa ad almeno 10 metri da fonti di acqua potabile, come pozzi e sorgenti. Quando vien interato un pozzo nero o una fossa biologica è sempre meglio mettere uno strato di sabbia tutt’intorno in maniera che vengano assorbite al più presto eventuali perdite di liquami che potrebbero contaminare il terreno circostante.

La differenza con la fossa biologica

Pozzi neri e fosse biologiche sono entrambi installati dove non è possibile allacciarsi alla normale rete fognaria perché troppo lontana ma si tratta di due sistemi differenti. La fossa biologica ha anche una condotta in uscita a differenza del pozzo nero che è un contenitore stagno, cioè l’acqua che entra resta lì fino a quando non viene svuotato del tutto.

Come tenerlo pulito

Oltre alle normali operazioni di pulizia grazie all’intervento di una valida ditta di autospurgo a Roma, è necessario fare attenzione sia quando si ha un pozzo nero che una fossa biologica che hanno un sistema di funzionamento delicato e occorre fare attenzione per non creare alternazioni. La prima cosa cui fare subito attenzione è la carta igienica che, pare strano, non dovrebbe essere buttata nel wc se si ah un pozzo nero perché questa riempie la cisterna di raccolta delle acque e potrebbe alterane l’equilibrio batterico, soprattutto se è di quella profumata. Le soluzioni, in questo caso, sono due: la prima è di raccogliere la carata igienica usata in un bidoncino messo in ogni bagno. Un’altra idea è quella di munire ogni bagno con carta igienica biodegradabile così che si sciolga a contatto con l’acqua.