Home » News » Miglior casco cross: esiste? e come sceglierlo?

Miglior casco cross: esiste? e come sceglierlo?

Prima di addentrarti in un mondo di marche, aziende, classifiche che dovrebbero portarti a scegliere il miglior casco cross, c’è una cosa che dovresti tenere in considerazione: come sempre quando si va sulle due ruote, il casco è un accessorio fondamentale, l’unico che ti può garantire contemporaneamente tutto il comfort e tutta la sicurezza di cui hai bisogno. Per questo la scelta del casco da cross, considerate le condizioni particolari in cui si guida per la maggior parte del tempo, andrebbe ben ponderata e valutata comunque a seconda delle proprie personali esigenze.

 

Tutto quello che c’è da sapere sul miglior casco cross

Ci sono, infatti, dei modelli e delle aziende molto amate da chi pratica motocross anche ad alti livelli. Sono realtà come Airoh, Qtech, Yema, Arrow che con i loro modelli hanno vestito centinai di appassionati e di campioni e che sono, in via generica, considerate tra i migliori produttori al mondo. Come si accennava, però, una serie di fattori diversi vanno presi in considerazione per la scelta del miglior casco da cross – il migliore per sé s’intende. A un livello zero serve controllare, infatti, che questo tipo di casco sia omologato secondo i più recenti standard previsti in materia in modo da garantire la più totale sicurezza. Com’è facile accorgersi anche visivamente, poi, un buon casco da motocross ha forme e design tutti suoi: la sua caratteristica principale è una scocca completamente aerodinamica che serve a far ridurre al minimo l’attrito con l’aria; anche la presenza di uno speciale frontino, però, è molto importante dal momento che serve sia a schermare il sole sia a lasciare il viso del guidatore da motocross libero anche in caso di caduta. I materiali, e in particolare la loro resistenza agli urti, sono infine un elemento da non trascurare certo nella scelta del miglior casco da motocross: solo se testati e di qualità possono assicurare la protezione indispensabile e, soprattutto, farlo garantendo la giusta traspirabilità e il totale comfort anche in considerazione del fatto che un casco di questo tipo va indossato anche per molte ore consecutive.