Home » News » Come Gestisce e Protegge i Dati l’Azienda Google

Come Gestisce e Protegge i Dati l’Azienda Google

Google risulta tra le piattaforme web che contengono un’infinità di dati personali, provenienti sia dai singoli cittadini che anche da aziende, enti statali, etc.. Google ha come obiettivo principale la tutela di tali dati, anche quando questi provengono direttamente dalle aziende e per fare in modo che ciò avvenga utilizza alcuni controlli specifici. I controlli utilizzati da Google si attengono agli standard internazionali, come gli standard ISO e SSAE16/ISAE 3402. Google utilizza i diversi standard ISO, in base alla rispettive esigenze: ISO 27001 per ciò che riguarda la gestione della sicurezza delle informazioni; ISO 27017 per i controlli sulla sicurezza delle informazioni nella cloud, che viene utilizzata per i prodotti di G Suite e Google Cloud Platform; e lo standard ISO 27018 per la privacy nella cloud, anche questo utilizzato nei prodotti G Suite e Google Cloud.

Google inoltre utilizza lo strumento di “Privacy Shield Framework”, che ha come obiettivo quello di predisporre alcuni strumenti che sono in grado di rispettare gli obblighi di protezione dei dati “previsti nell’ambito del commercio transatlantico, in relazione al trasferimento dei dati personali dall’Unione Europea e dalla Svizzera agli Stati Uniti. Google aderisce alle disposizioni dell’accordo EU-US Privacy Shield Framework e Swiss-US Privacy Shield Framework”. Un ulteriore strumento di cui si avvale Google è il FedRAMP, ovvero un programma in grado di monitorare costantemente i dati e valutare la sicurezza “dei servizi e i prodotti cloud utilizzati dal governo federale degli Stati Uniti”.

In ultimo Google offre anche aiuto alle aziende, ovvero i responsabili del trattamento, che trattano i dati dei loro clienti. Google infatti dispone di alcuni strumenti tecnici che intendono aiutare le aziende per un corretto funzionamento dell’elaborazione dei dati, che riguardano ad esempio la gestione dei consensi, l’individuazione delle informazioni sensibili e il mascheramento degli indirizzi IP, ad esempio in “Google Analytics” e “Google Analytics 360”. Inoltre Google invita i clienti G Suite e di Google Cloud Platform, ma in generale si rivolge a tutti le aziende che sono responsabili del trattamento dei dati, a far fronte alle nuove responsabilità contenute nel nuovo regolamento generale sulla protezione dei dati personali, ovvero il GDPR.